top of page
  • Immagine del redattorebstrategiesexp

Il mondo del Vino nel Regno Unito, arena affascinante per produttori e consumatori

Il Regno Unito è da tempo un attore significativo nel mercato globale del vino. Con una ricca storia di consumo di vino e una variegata gamma di gusti, l'industria vinicola britannica rimane un'arena affascinante sia per i produttori che per i consumatori.



Oggi i consumatori sono più curiosi e aperti, esplorando vini sia dalle regioni del Vecchio Mondo che del Nuovo Mondo

Sostenibilità e Autenticità sono diventate fondamentali per i consumatori di vino. Si cercano vini con pratiche di produzione ecologiche e un legame chiaro con il loro terroir. Questa tendenza ha portato a un crescente interesse per i vini biologici, biodinamici e naturali.


L'uscita del Regno Unito dall'Unione Europea (UE) ha introdotto cambiamenti nel mercato del vino. Nuove regolamentazioni, tariffe e sfide logistiche hanno avuto un impatto sia sui produttori che sui consumatori. Comprendere queste modifiche è essenziale per chiunque sia interessato al mercato del vino nel Regno Unito

Il consumo di vino nel Regno Unito è strettamente legato al panorama culinario. L'interesse crescente nell'abbinamento cibo-vino ha portato a collaborazioni tra chef e sommelier, arricchendo l'esperienza gastronomica per gli appassionati di vino.

Il profilo demografico dei consumatori di vino nel Regno Unito sta subendo una trasformazione significativa. Una volta considerato un lusso riservato ai benestanti, il vino ora attira un pubblico più ampio all'interno della società. Questo coinvolge un ventaglio più vasto di individui, inclusa la generazione più giovane, come i millennials e la Generazione Z, che abbracciano il vino come parte delle loro esperienze sociali. È importante notare che la Generazione Z è conosciuta per essere la prima generazione a crescere interamente nell'era digitale, circondata dalla tecnologia e dall'Internet fin dalla tenera età

Secondo una ricerca condotta da Wine Intelligence, i social media godono della fiducia solo del 29% dei consumatori abituali di vino. In modo interessante, per quanto riguarda le fasce più giovani come i Millennials e i bevitori della Generazione Z nel Regno Unito, la loro affidabilità nei confronti dei social media per le indicazioni legate al vino è notevolmente inferiore rispetto ai loro colleghi appassionati di vino nel Regno Unito.

Lo studio rivela che la fiducia nelle informazioni fornite da blogger o esperti di vino si attesta al 40%, indicando un livello di credibilità moderato.

Tuttavia, le fonti di fiducia più convincenti continuano ad essere amici, famiglia e colleghi, ottenendo un significativo 75% di fiducia tra i consumatori abituali di vino nel Regno Unito. Ciò sottolinea l'influenza duratura dei circoli sociali stretti come principali canali di informazioni affidabili legate al vino


Questo sottolinea il ruolo cruciale che la qualità e l'identità reale del prodotto, gioca nel plasmare le preferenze dei consumatori.

I dati da Wine Intelligence rafforzano l'idea che in un contesto in cui la fiducia è prevalentemente riposta nelle connessioni personali, la proposta di valore di qualsiasi offerta deve essere di massima qualità e importanza.

In un ambiente in cui i social media faticano a raggiungere livelli significativi di fiducia tra i consumatori abituali di vino, la responsabilità è affidata alle aziende e agli influencer di fornire contenuti e prodotti che risuonino su un piano reale e dinamico.

Con solamente il 29% dei bevitori abituali di vino che considera i social media affidabili, l'imperativo di fornire offerte di valore autentico diventa ancora più evidente.

bottom of page